• Contatti: (+39) 0854154355
  • Via Federico Fellini, 23 - 65010 Spoltore (PE)
  • Lunedi a Venerdi: 7:00 AM - 18:00 PM

Guida su quando raccogliere i peperoncini piccanti

Quando raccogliere i peperoncini?

 Chiunque coltivi i peperoncini piccanti della tipologia Capsicum, sa benissimo quando raccogliere, sa che dipende molto dal colore, dalla grandezza, e dalla vita della pianta. Ora qualche consiglio su quando raccogliere il peperoncino e conservare la prelibatezza di questo importante ingrediente dei nostri piatti.

Quando raccogliere i peperoncini e quante tipologie esistono.

Alla domanda “quando raccogliere il peperoncino” la risposta adatta è Molto dipende dalla varietà del peperoncino coltivato, e calcolando che al mondo esistono più di 3.000 varietà di peperoncini, la risposta è decisamente complessa.

Tuttavia, partendo dalla specie di appartenenza, è possibile raccogliere i peperoncini in sei macro famiglie, corrispondenti a ciascuna varietà differente.
Ognuna di queste varietà presenta tempi di maturazione diversi. I tempi di seguito indicati tengono conto del periodo che va dalla prima allegagione alla maturazione del frutto.

  • Capsicum Annuum (Acrata, Jalapeno, Paprika e Cayenna.): 35-40 giorni
  • Capsicum Pubescens (Rocoto e simili): 65-70 giorni
  • Capsicum Frutescens (Tabasco): 30-40 giorni
  • Capscium Baccatum Aji amarillo, Aji lemon, Aji norteño, Aji omnicolor, Aji panca, Aji quitucho, Aji red: 50-55 giorni
  • Capscium Chinense (Carolina Reaper, Habanero, Trinidad moruga scorpion ed i Bhut jolokia): 40-45 giorni.

Quando raccogliere i peperoncini: quando il peperoncino è maturo?

Bisogna osservare con attenzione le piante del peperoncino ogni giorno, ma soprattutto i cambiamenti dei frutti, per capire esattamente quando il grado di maturazione ha raggiunto lo stato ideale per la raccolta. I fattori da osservare sono principalmente tre: il colore, la morbidezza, l’analisi di un frutto campione.

Il colore del peperoncino

Che siano peperoncini rossi o un peperoncino verde, per nominare le varietà più diffuse, il colore e il suo tono sono gradi inconfutabili di maturazione del frutto. In generale, se si conosce il colore dello stato finale del peperoncino, si potrà facilmente giocare d’anticipo. Il peperoncino è maturo quando il colore ha raggiunto il suo tono più vivace e accesso. Per questo i peperoncini rossi sono intensamente rossi, e lo stesso fattore è equivalente per i peperoncini verdi, i peperoncini arancioni e i peperoncini gialli. Se il colore non muta per tre giorni consecutivi, quel peperoncino ha raggiunto il suo picco di maturazione ed è tempo di raccoglierlo.

La fragranza del peperoncino

Capita spesso, che una pianta di peperoncino ci sia stata regalata, e che quindi non si conosca l’intensità del colore finale quando il peperoncino è maturo al punto giusto.Un est affidabile è quello della morbidezza. Un peperoncino maturo è, al tatto, più morbido rispetto agli altri frutti della pianta. Più morbido non vuol dire però troppo morbido: meglio raccoglierli prima che sia tardi per gustarseli nei nostri piatti.

Assaporare un campione di peperoncino

Questo metodo, lasciato appositamente per ultimo, è generalmente sconsigliato perché effettivamente “sacrifica” un frutto la cui maturazione può essere valutata in altri modi. Nonostante però in alcuni casi si rivela utile, specie per chi è alla prima esperienza con una pianta di peperoncino. In questo caso non resta altro che raccogliere un frutto e tagliarlo a metà per osservare la parte interna, quella a cui sono attaccati i semi (la placenta). Se la placenta presenta sfumature tendenti al verde, il peperoncino non è ancora maturo. Se sono tendenti al bianco, ha raggiunto il grado di maturazione perfetta. Si può, inoltre, provare ad assaggiarlo: un peperoncino non ancora maturo non ha un grande piccantezza. Questa si rivela solo su un peperoncino effettivamente maturo.

Come raccogliere i peperoncini

Se i peperoncini sulla pianta hanno raggiunto il loro grado di maturazione, per raccoglierli dovrai utilizzare un paio di forbici e un paio di guanti, specialmente se hai coltivato delle varietà particolarmente piccanti. Il taglio va effettuato recidendo il picciolo a circa 1 cm di altezza dalla testa del peperoncino, lasciando il rametto attaccato alla pianta.